Il 19 febbraio, nella sede di Talent Garden in via Calabiana a Milano, si è conclusa l’avventura dell’edizione 2017 di Premio Alamo. Davanti ad una platea numerosa e incuriosita, in una quindicina di minuti, i tre team vincitori hanno illustrato la loro idea progettuale; Stefano Gritti e Paola Travanini per Mi Garage, Salvatore Maffei, Gianluca Niccoli e Domenico Tornese per Ta Tomato e , infine, Federico Merz, Giulia Minghetti ed Alessandro Turcato per Solution, il progetto che ha vinto il primo premio.

Un momento è stato dedicato al racconto del percorso di questo primo anno e mezzo di lavoro. Sono intervenuti alcuni protagonisti dei progetti da noi sostenuti in questi mesi: Federico Fagotto dell’Associazione Culturale La Taiga, Mattia Davide Amico con il progetto Kodaly
Alfredo Lovati, in qualità di consigliere di amministrazione per il progetto Hope Dog.

 

Rivedere i passi fatti è stato interessante anche per noi: guardare le cose da una giusta distanza può aiutare a riconoscerne il valore. A seguire il momento finale con la consegna del premio ai vincitori. Durante l’aperitivo, a chiusura dell’evento, è stato interessante poter parlare più approfonditamente con i giovani del Premio: è emersa la necessità di essere accompagnati, al di là del contributo in denaro, negli step successivi, per proseguire sulla strada intrapresa.